le preferenze al voto

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

le preferenze al voto

Messaggio Da catilina il Mer Set 24 2008, 17:24

Non mi piace che si stia brigando per toglierle anche alle europee.

Mi piace ancor di meno il metodo, già consolidato, di inserire questa decisione in un complesso che prevede anche iniziative condivisibili come lo sbarramento al 5%.

Non sopporto che me lo mettano in culo distraendomi con due cosce aperte.

Non so voi.
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Fast il Mer Set 24 2008, 17:39

Per sperienza: le preferenze hanno un senso se esiste una scelta preventiva della base. Altrimenti i partiti mettono in lista i maggiorenti e una serie di teste di turco assolutamente ineleggibili. Se fai caso , anche quando vi erano liste con preferenza difficilmente uscivano nomi nuovi non appartenenti alla nomenklatura dei partiti.
Allora le preferenze sono u falso problema. Se dipendesse da me farei un percorso obbligato per chi vuol fare politica.
iscriversi in una lista candidati , fare almeno un turno cme consigliere di quartire, consigli di quartiere senza partiti ma con elezioni sui nomi di chi vuole presentarsi. Esempio: voglio presentarmi nel mio quartiere' raccolgo un numero X di firme di presentazione e faccio il mio programma.
Alla prossima tornata elettorale sarà il partito al quale intendo riferirmi stabilire se ho apeal o meno per candidarmi a più alti seggi.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da missmarple il Mer Set 24 2008, 20:56

...papagallescamente ripeto anch'io che sono
un falso problema.
Crediamo davvero di essere più liberi nella nostra
scelta se scriviamo A invece di B???

missmarple
avatar
missmarple

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 13.09.08
Località : Verona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da enfiteuta il Mer Set 24 2008, 22:18

D'accordissimo con Fast.

Quando ci presentano una lista di 20 o 30 sconosciuti tra cui indicare una preferenza, io non la chiamerei "scelta". A maggior ragione quando, in mancanza della preferenza, il voto va ai primi della lista.

Secondo me il miglior esercizio di libera scelta di voto è NON fossilizzarsi sullo stesso partito per tutta la vita.

enfiteuta

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 23.09.08
Età : 48
Località : Milano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da peppedrago il Gio Set 25 2008, 01:06

Fast e Miss non vogliono scegliere direttamente le persone che li rappresenteranno, ma preferiscono che altri scelgano per loro, bene, anche queste sono opinioni, lasciatemi però dissentire, io voglio scegliere, e se dovessero mettere un pezzo di merda nella lista io non lo voterei, e se i partecipanti alla lista fossero tutti stronzi io non li voterei, e se tutti i partecipanti di tutte le liste fossero della chiaviche io a votare non ci andrei proprio.

Eliminare le preferenze significa, in astratto, dare libertà di manovra assoluta ai leaders, nella realtà significa vedersi eletti dei perfetti sconosciuti senza alcun curriculum, amici degli amici, l'eletto con questo sistema maturerà un debito diretto col learer che gli ha regalato la poltrona e, statene certi, si sdebiterà.

Proprio per dare maggiore autonomia agli eletti la preferenza deve essere espressa dall'elettorato, senza regali, se becchi i voti, vai, altrimenti resti a casa, e se la lista fa pena, il partito perde i voti.

Lo sanno anche i bambini delle elementari che il seggio molto spesso è un regalo per " lavoretti " (a volte pompini) fatti al padrone, e la scelta viene fatta proprio su questi elementi, sudditanza, servilismo e disponibilità ad eseguire ordini.

Il regalo del posto in parlamento non sarà mai fatto ad uno spirito indipendente, uno che ragiona al di là degli schemi, questo è il meccanismo, e anche voi al loro posto seguireste probabilmente gli stessi criteri.

Qua si tratta di conservazione e rafforzamento del potere, che credete????

Non sarete di quelli che credono che stanno li a fare i nostri interessi, a servire la patria, ad affermare moralità ed onestà????

In questo ultimo caso fatevi curare da uno buono, non avete capito un cazzo !!!!!

Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes
avatar
peppedrago

Messaggi : 664
Data d'iscrizione : 01.05.08
Località : Manicomio criminale di Montelupo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da fabio il Gio Set 25 2008, 01:50

ale elezioni poliitiche lascio fare al partito
impossibile conoscere tutti i candidati per poter scegliere.

alle elezioni amministrative preferenza libera a chi vota.
in questo caso il simbolo del partito conta meno , e' la persona
che attira voti.

concordo che alle amministrative sarebbe meglio una lista unica di persone che poi vengono scelte
con la preferenze , ma poi i collegamenti con la provincia regione e romaladrona li devi fare attraverso un partito,
se no niente .....formaggio , ti devi arangiare
avatar
fabio

Messaggi : 401
Data d'iscrizione : 16.06.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Fast il Gio Set 25 2008, 08:01

Peppe, come al solito hai capito una cippa.
le preferenze se si fanno su nomi stabiliti dai partiti valgono come i nomi bloccati. Cioè vengono eletti quelli che il partito impone. Ti è chiaro?
Per "scegliere" ci vorrebbero delle selezioni da parte della base con delle convention. Cosa lunga , complicata e costosa.
Non so quanti anni tu abbia, ma il sottoscritto( che è stato spesso candidato per completare le liste)non ha mai visto sottoporre a gradimento preventivo agli iscritti un elenco candidati. Si faceva nel chiuso delle segreterie , poi lo si mandava alla direzione centrale per approvazione. da la depennavamo qualche "scomodo" ed inserivano qualche previlegiato. Imponevano nomi da altre zone, il tutto per motivi loro senza mai sapere quanto sarebbero stati graditi ed a chi.
Poi usciva la lista, ogni partito sapeva più o meno quanti eletti aavrebbe avuto, e inseriva a capolista i nomi di quelli che voleva far eleggere. E, posso garantirti,le sorprese erano poche.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da malcolm il Gio Set 25 2008, 10:16

I rappresentanti (preferenze o no) ci rappresentano? Voglio dire: rapprentano noi o rappresentano i leaders in quanto da questi dipendono per le eventuali carriere politiche? Quindi comunque noi non rappresentiamo una cippa (uso il linguaggio genovese di Fast).
Chi ci rappresenta veramente (o non ci rappresenta) sono i leaders, sono le politiche - ammesso che in qualcuna ci riconosciamo.
Bisognerebbe fare in modo - ma credo che con le forze a disposizione si stia già facendo - che i politici leaders e i loro dipendenti siano persone serie e affidabili. Ma se noi facciamo in modo che ciò accada, avversari anonimi questo non lo vogliono e fanno in modo che vadano avanti marpioni di ogni risma.
Ma noi - chi? - siamo i più forti Laughing cheers

malcolm

Messaggi : 930
Data d'iscrizione : 18.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Fast il Gio Set 25 2008, 10:30

Ma quanti vanno dal proprio eletto e lo mettono di fronte alle promesse non mantenute alle cose non fatte?
Ad esempio: Catilina si lamenta con ragione della dimenticata abolizione delle province;: perchè non si va davanti a Montecitorio a chiederlo?
Od almeno perchè non si innonda di lettere ed e-mail la segreteria del PDL?
Paura di disturbare il nostro manovratore di dare armi all'evversario o semplice menefreghismo?
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da catilina il Gio Set 25 2008, 13:07

In un mondo tanto grande e vario ci sta che ci sia chi valuti la possibilità di scelta diretta dei propri rappresentanti un fatto marginale o , nella consapevolezza del degrado istituzionale, sia giustamente indifferente nella scelta tra un cane o un porco.



Ci sarebbe da discutere sullo stato di salute di un contesto politico e istituzionale che conduca alla formazione di queste legittime ma, a mio modo di vedere, rassegnate opinioni ma non credo sia il caso appesantire adesso la discussione.



Ma oggi mi sono svegliato dal lato giusto e sono ottimista circa la possibilità che anche nel PDL ci sia qualcuno che la pensi come me.



Allora mi e vi chiedo perché si sia voluto accorpare due cose tanto diverse come la preferenza al voto e il blocco percentuale condizionando la prima alla seconda.


Ultima modifica di catilina il Sab Set 27 2008, 12:14, modificato 1 volta
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Fast il Gio Set 25 2008, 14:55

Ed anche Catilina, forse perchè appena sveglio, legge solo una parte di quanto detto.
Tutti vorremmo poter decidere a formare le liste dei candidati, ma non è attraverso il vecchio metodo delle preferenze che lo si può fare.
nelle liste old style i partiti mettevano uomini d'apparato e nomi riempi lista senza nessuna speranza.
Se tu , o Catilina, avessi voluto entrare in lista non ti ci mettevano. Chiaro?
L'unica sarebbe una serie di "caucus" di base, ma questa è un'altra storia.
In quanto allo sbarramento mi sta benissimo il 5%.Anzi....
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Paolo il Gio Set 25 2008, 15:38

come al solito
mi trovo d'accordo con il vecchio Rollo

ma all'elezioni del mugello del 97 , non c'erano le preferenze ?

quali erano ?
avatar
Paolo

Messaggi : 511
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da catilina il Gio Set 25 2008, 15:49

Fast ha scritto:Ed anche Catilina, forse perchè appena sveglio, legge solo una parte di quanto detto.
Tutti vorremmo poter decidere a formare le liste dei candidati, ma non è attraverso il vecchio metodo delle preferenze che lo si può fare.
nelle liste old style i partiti mettevano uomini d'apparato e nomi riempi lista senza nessuna speranza.
Se tu , o Catilina, avessi voluto entrare in lista non ti ci mettevano. Chiaro?
L'unica sarebbe una serie di "caucus" di base, ma questa è un'altra storia.
In quanto allo sbarramento mi sta benissimo il 5%.Anzi....

ho capito sacramento di un genovese ! ma come fai superare una "deficienza" proponendo in alternativa la "mancanza totale"??
che senso logico ha?

se prima il sistema di preferenza era gestito in maniera distorta il problema non sta nella logica delle preferenze ma nell'uso distorto!

ma come fai a sostenere che poichè le preferenze venivano private del loro valore per maneggi di partito anzichè ridare validità alle preferenze è meglio toglierle??

è come se a uno che ha la polmonite gli togli un polmone anzichè curarlo!!

le preferenze devono tornare a dare la possibilità al cittadino di selezionare i propri rappresentanti o no??

non mi dire che poichè la selezione non avviene bisogna toglierle, cristosanto!! dimmi piuttosto, se lo pensi, bisogna fare in modo che le preferenze funzionino!!
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da catilina il Gio Set 25 2008, 15:55

in ogni caso, poichè non sono l'unico a credere nelle preferenze , io chiedo che le due iniziative, preferenze e blocco , vengano separate.

cosa mi rispondi ??

perchè secondo te le due proposte sono state accorpate?? Very Happy

qual'è la logicità di questo accorpamento, me lo spieghi??
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Fast il Gio Set 25 2008, 16:16

Ti pongo un'altra domanda.
Quali mezzi di pressione abbiamo come militanti o simpatizzanti per premere su i dirigenti di partito?
Sino a che non si agirà dal basso per contestare anche quelli che abbimo scelto sarà dura che cambino. E non parlo delle grillate, che sono inutili, ma certo che se al segretario genovese, ad esempio, arrivano 1000 e-mail di protesta per il modo col quale compilano le liste un pensiero inizia a dedicarcelo.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da catilina il Gio Set 25 2008, 16:49

Fast ha scritto:Ti pongo un'altra domanda.
Quali mezzi di pressione abbiamo come militanti o simpatizzanti per premere su i dirigenti di partito?
Sino a che non si agirà dal basso per contestare anche quelli che abbimo scelto sarà dura che cambino. E non parlo delle grillate, che sono inutili, ma certo che se al segretario genovese, ad esempio, arrivano 1000 e-mail di protesta per il modo col quale compilano le liste un pensiero inizia a dedicarcelo.

ma cosa vuoi premere !!!

ma non vedi che c'è difficoltà ad eleborare questioni banali........

io voglio sapere se il campione rappresentato dai consumatori di questo forum di destri "libertari" è per le preferenze dirette al voto o no e perchè.

sono curioso, cazzo.
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Fast il Gio Set 25 2008, 16:55

Sarei pr le preferenze se potessi influire sulla formazione delle liste.
Altrimenti è indifferente. Si vota per la linea politica.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da fabio il Gio Set 25 2008, 17:09

Fast ha scritto:Sarei pr le preferenze se potessi influire sulla formazione delle liste.
Altrimenti è indifferente. Si vota per la linea politica.

a livello di paese le liste contengono quelli di partito ma anche le persone attirafiducia
per cui alle amministrative la preferenza funziona , se si puo' dare.

a parte che in primavera prossima ci sono le amministrative e , qui dalle mie parti, gli attivisti di un partito di spicco nazionale
hanno gia' dichiarato: "meglio perdere tra di noi che vincere con un esterno" ... E qui Fast ti do' ragione...
per questo motivo qui vincono sempre "quelli" che alle politiche sono all'opposizione... scelgono meglio la meta' attira fiducia...


Ultima modifica di fabio il Gio Set 25 2008, 20:46, modificato 1 volta
avatar
fabio

Messaggi : 401
Data d'iscrizione : 16.06.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da missmarple il Gio Set 25 2008, 18:08

...Sonar,mi sembra ovvio che vorrei esprimere la mia diretta
preferenza,tra candidati che conosco.
Ma...il punto è questo,escluse le elezioni comunali nei
paesi piccoli come il mio,nelle altre non CONOSCO nessuno.

A che mi serve,allora,l'elenco???
Voto il simbolo in cui ho fiducia.
Lapalissiano.

missmarple
avatar
missmarple

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 13.09.08
Località : Verona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Ishtar il Gio Set 25 2008, 22:49

Ormai per me il problema che si pone è votare o non votare più.
avatar
Ishtar

Messaggi : 1326
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da rogersson il Gio Set 25 2008, 22:58

invereconda fine della democrazia
avatar
rogersson

Messaggi : 1640
Data d'iscrizione : 02.05.08
Località : Caserma Gualtierotti

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Fast il Ven Set 26 2008, 07:46

Siamo come i passeggeri di una nave: si spera che il Comandante segua la rotta promessa all'imbarco.
Abbiamo lo stesso potere decisionale e la stessa capacità di capire dove stiamo andando.
Si sceglie la nave che appare più stabile, sperando non abbia troppe falle nascoste.
Ed è inutile rifiutare l'imbarco, ti caricano a bordo tu voglia o meno.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Cagliostro49 il Sab Set 27 2008, 00:20

Ishtar ha scritto:Ormai per me il problema che si pone è votare o non votare più.


Alleluja ! Athena illùmina Livia Mancinia ! Poscia chioso : ovvio che il sagace Catilina ha ragione da vèndere se non proprio nella sostanza,nella forma che è anche essa una forma di rispetto per il coglione che va a votare.

Il pensiero spartano dice che non c'è differenza tra i candidati imposti dal Partito e "da votare " a scatola chiusa tramite il voto sulla lista e quelli (sempre imposti dal Partito ) ma che hanno bisogno della preferenza per poter èssere eletti. La differenza c'è eccome !

Ovvio che sono sempre le segreterie ad imporre i candidati,ma almeno c'è la speranza dei franchi tiratori che se ne fòttono della disciplina dio partito e pòssono provoicare sorprese. Parlo ovviamente per chi ancora è convinto di andare a votare alle europee. La mia augusta persona,sia chiaro,se ne impippa altamente. E credo di èssere in buona compagnia.
avatar
Cagliostro49

Messaggi : 3123
Data d'iscrizione : 07.05.08
Località : CAMPI FLEGREI INGRESSO DELL'ADE

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da catilina il Sab Set 27 2008, 12:03

Cagliostro49 ha scritto:
Ishtar ha scritto:Ormai per me il problema che si pone è votare o non votare più.


..... Parlo ovviamente per chi ancora è convinto di andare a votare alle europee. La mia augusta persona,sia chiaro,se ne impippa altamente. E credo di èssere in buona compagnia.

non era mia intenzione istigare l'astensione ma affrontare quello che secondo me è un nodo di discussione.

no considero l'astensione una resa però ma un segnale di disagio legittimissimo.

la curiosità di sapere perchè "preferenze" e "blocco " siano state accorpate non me la sono ancora tolta così come non ho capito perchè , se le prefernze in ogni caso non disturbano le lobby, perchè le hanno tolte e le vogliono togliere imburrate e ben cotte tramite lo sfilatino del blocco.
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Fast il Sab Set 27 2008, 12:32

Catilina: devi ragionare come un responsabile di partito.
Il partito X sa benissimo di avere una forbice di 3/5 eletti, senza preferenze mette quelli che sono più omogenei ai vertici e nessuno riesce a valutare il peso politico che ha,
Con le preferenze si mettevano 3/5 "capilista", o per importanza o per alfabetico. Poi si avevano gli "accoppiamenti", un capolista faceva da traino a più candidati minori(logicamente della sua corrente), alla fine si valutavano i pacchetti di voti per la spartizione delle cariche interne al partito.
Il blocco vorrebbe evitare i giochi correntizi interni.
Con le candidature avresti dovuto partecipare alle risse tra le correnti per i posti in lista, era uno spettacolo tra l'esilarante e lo squallido. Chiunque abbia fatto vita di partito potrebbe raccontartelo.
In quanto allo sbarramento buono il 5%.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: le preferenze al voto

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum