Le br, 25 anni dopo

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da peppedrago il Mar Ago 05 2008, 16:47

Che dire
beh, sono molto contento di quello che accade, ce lo meritiamo e speriamo duri molto.

La realizzazione di tutti gli incubi prospettati dalle Brigate Rosse.

Il governo mondiale delle multinazionali, l'intero pianeta in mano a 10/15 stronzi che decidono tutto, quando svalutare una moneta, il livello di inflazione, chi comanda e chi subisce, in che direzione deve andare quotidianamente il flusso di centinaia di miliardi di dollari, il prezzo del petrolio e l'andamento delle borse.

In Italia poi, non ci facciamo mancare niente, altrove il potere è mascherato, comandano teste di legno al servizio di banche e multinazionali, in Italia invece non ci sono controfigure, c'è proprio il possessore di una multinazionale, si, LUI ha deciso di prendere le redini direttamente.........
e il suo patrimonio cresce, cresce, cresce..... e la gente, stupita, sta a guardare, ma la cosa davvero meravigliosa, incredibile, fantasmagorica, assurda, irreale, è che lo votano !!!!

HA HA HA HA HA

Bene, dicevamo, speriamo che duri a lungo anzi per sempre, qualcumo mormora che presto scenderà, diciamo cosi, in campo, il Piersilvio





F
avatar
peppedrago

Messaggi : 664
Data d'iscrizione : 01.05.08
Località : Manicomio criminale di Montelupo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Chiara il Mar Ago 05 2008, 17:07

Un salto di qualità rispetto al padre, almeno esteticamente.
avatar
Chiara

Messaggi : 1057
Data d'iscrizione : 21.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da peppedrago il Mar Ago 05 2008, 17:16

Stanno costruendo la sua immagine pubblica da lustri, centellinano le apparizioni, dispensano col contagoce le dichiarazioni, gli hanno messo come mentore Dart Fener Confalonieri, una delle entità peggiori della galassia, uno che baratteremmo volentieri con mefistofele in persona.
Prima o poi ce lo troveremo in parlamento, vi ci potete scommettere le ovaie (o i coglioni, dipende).

F
avatar
peppedrago

Messaggi : 664
Data d'iscrizione : 01.05.08
Località : Manicomio criminale di Montelupo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da doc il Mar Ago 05 2008, 18:26

Peppe sveglia, questo mondo che tu schifi, questa società così "ingiusta" è anche vostra.
Io vi vedo tutti i giorni cinquantenni dai trascorsi barricadieri che timbrate i cartellini all' acos, amga, atac, asl nei mjinisteri, ferrovie, quando vi è andata bene avete sposato la figlia del padrone.
Eravate e siete sigle le stesse che contestavate.
Vi siete integrati tutti nell'odiato sistema.

Ah le vostre tragiche vite. Laughing
avatar
doc

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da aladino il Mar Ago 05 2008, 18:26

Amazzare Bachelet ( e non Andreotti) e' stato come ammzzare Resega e i vecchietti
riservisti del Bozen a Via Rasella....
Una vigliaccata......punto e basta.....

aladino

Messaggi : 3589
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da aladino il Mar Ago 05 2008, 18:28

Ho piu' stima per i ceceni e gli uiguri ( ma che ne sapete...) che rischiano morte senza processo e torture inenarrabili......quella e' gente con le palle....

aladino

Messaggi : 3589
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Fast il Mar Ago 05 2008, 18:54

Imbecilli velleitari erano. velleitari imbecilli sino. e quelli peggio non sono gli esaltati che sparavano ma almeno rischiavano in proprio. I peggio sono i plauditores nascosti nell'anonimato, che hanno goduto di riflesso del male fatto ad altri, che sperno che vi sia chi li "vendichi" perchè non hanno palle per farlo di persona e che si macerano in una vecchiaia senza speranza vedendo infrangersi illusioni e speranza.
merde per interposta persona che racconterebbero ogni cosa al brigadiere per un cannolo.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da aladino il Mar Ago 05 2008, 18:58

figli ( focomelici)) del '68:
sicari a tradimento, tossici, delatori, traditori dei propri compagni.....

bellissima gente al Caffe' Italia....

aladino

Messaggi : 3589
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Cagliostro49 il Mar Ago 05 2008, 19:03

Scusate.se il sòlito Peppedrago difende i "valori" delle BR dopo aver esaltato le "qualità" di gente come Cavallero,la colpa non è sua,ma vostra che ci perdete pure il tempo di rispòndergli.

Oltretutto,e come sempre,tutti i salmi finiscono in gloria : siamo partiti dalle BR per arrivare (alleluja) allo psiconano. Avrei voglia di fare un rutto,ma poi il Vate si adombra......
avatar
Cagliostro49

Messaggi : 3123
Data d'iscrizione : 07.05.08
Località : CAMPI FLEGREI INGRESSO DELL'ADE

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Cagliostro49 il Mar Ago 05 2008, 19:05

Fast ha scritto:Imbecilli velleitari erano. velleitari imbecilli sino. e quelli peggio non sono gli esaltati che sparavano ma almeno rischiavano in proprio. I peggio sono i plauditores nascosti nell'anonimato, che hanno goduto di riflesso del male fatto ad altri, che sperno che vi sia chi li "vendichi" perchè non hanno palle per farlo di persona e che si macerano in una vecchiaia senza speranza vedendo infrangersi illusioni e speranza.
merde per interposta persona che racconterebbero ogni cosa al brigadiere per un cannolo.

Da noi si dice che basterèbbero due schiaffi per farli cantare e dieci per zittirli. A proposito : apri la posta.......
avatar
Cagliostro49

Messaggi : 3123
Data d'iscrizione : 07.05.08
Località : CAMPI FLEGREI INGRESSO DELL'ADE

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Cagliostro49 il Mar Ago 05 2008, 19:23

gbg ha scritto:In ottobre verrà ripubblicato, dopo 25 anni, il libro che scrissi con Patrizio Peci sulla sua storia di brigatista rosso.
Scriverò una nuova introduzione.
Che dire dei pentiti, delle br e del modo in cui vennero battute?

Vate,
sono stati battuti MA NON ANCORA SRADICATI,e più per le delazioni degli infami che per capacità di uno Stato straccione e ignavo. E' stato lo stesso canovaccio dell'introduzione del "pentitismo" nella malavita comune : solo così hano raggiunto qualche risultato. Secondo me èrano degli esaltati cìnici e sanguinari nati male e cresciuti peggio (politicamente) che più uccidèvano e più si galvanizzavano.

L'idealità,la missione,la crociata,le palle,non c'èntrano quando si spara vigliaccamente nel mucchio. Godèvano di coperture a tutti i livelli perchè èrano parte di una strategìa più grande di loro. Le farneticazioni in politichese impeccabilmente colto e visionario,èrano scritte dai maitre a penser che spero non incontrerai mai,nè a Cortina nè altrove.

Rimane la nebbia,perchè i sopravvissuti l'hanno fatta franca,i pochi fuoriusciti rèstano dove sono e i Guru fanno conferenze,convegni o dirìgono qualche testata giornalistica. E' stato un periodo plùmbeo e da dimenticare soprattutto per la "geomètrica potenza" di uno Stato coglione,incapace e legato mani e piedi alla propria ignavia. Solo la Germania può andare fiera di aver sradicato DAVVERO,il fenòmeno.

Altra scuola.
avatar
Cagliostro49

Messaggi : 3123
Data d'iscrizione : 07.05.08
Località : CAMPI FLEGREI INGRESSO DELL'ADE

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Fast il Mar Ago 05 2008, 19:24

avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da peppedrago il Mer Ago 06 2008, 00:37



Margherita Cagol, nome di battaglia “Mara”

Quella dell’avatar è la compagna Mara.
Margherita Cagol, fondatrice dell’organizzazione combattente BR aveva un’educazione fortemente cattolica, figlia di borghesi, si laurea in Scienze sociali a Trento e alla fine della relazione della tesi alza il braccio sinistro teso e il pugno chiuso ed ottenne il massimo dei voti e la lode.


Il periodo è quello delle STRAGI FASCISTE (piazza Fontana ecc ecc)

Da una lettera alla madre

Ora tocca a me e ai tanti compagni che vogliono combattere questo potere borghese ormai marcio continuare la lotta. [...] È giusto e sacrosanto quello che sto facendo, la storia mi dà ragione come l'ha data alla Resistenza nel '45. Ma voi direte, sono questi i mezzi da usare? Credetemi non ce ne sono altri. Questo stato di polizia si regge sulla forza delle armi e chi lo vuol combattere si deve mettere sullo stesso piano. In questi giorni hanno ucciso con un colpo di pistola un ragazzo, come se niente fosse, aveva il torto di aver voluto una casa dove abitare con la sua famiglia. Questo è successo a Roma, dove i quartieri dei baraccati costruiti coi cartoni e vecchie latte arrugginite stridono in contrasto alle sfarzose residenze dell'Eur. Non parliamo poi della disoccupazione e delle condizioni di vita delle masse operaie nelle grandi fabbriche della città. È questo il risultato della "ricostruzione", di tanti anni di lavoro dal '45 ad oggi? Sì è questo: sperpero, parassitismo, lusso sprecato da una parte e incertezze, sfruttamento e miseria dall'altra. [...] Oggi, in questa fase di crisi acuta occorre più che mai resistere affinché il fascismo sotto nuove forme "democratiche" non abbia nuovamente il sopravvento. Le mie scelte rivoluzionarie dunque, nonostante l'arresto di Renato, rimangono immutate “


Curcio, era appena stato arrestato, lei si presentò al carcere con un mitra, prese degli ostaggi e iniziò a gridare il nome del marito, intimando ai secondini di farlo uscire, minacciando una strage.
Riuscì a farlo evadere (le testimonianze dei presenti narrano del sorriso e della sua assoluta tranquillità nell'azione)

Fu uccisa come nelle migliori tradizioni dei regimi fascisti sudamericani, a freddo, con un colpo di pistola. (testimonianza del compagno che riuscì a scappare e mai identificato, che non aveva nessun motivo per mentire).

Morì come aveva vissuto, con una pistola in pugno e senza ripensamenti.
Consiglio a tutti di leggere il libro “Nome di battaglia Mara. Vita e morte di Margherita Cagol il primo capo delle Br”



F
avatar
peppedrago

Messaggi : 664
Data d'iscrizione : 01.05.08
Località : Manicomio criminale di Montelupo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Ospite il Mer Ago 06 2008, 01:09

la stessa disamina che qui viene fatta dai soliti camerati vale anche per l'estremismo di destra o soltanto per quello di sinistra?

io finora ho letto soltanto critiche al terrorismo rosso.......

se fosse cosi' siete sempre meno credibili.........

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da peppedrago il Mer Ago 06 2008, 01:33

michaelcorleone ha scritto:la stessa disamina che qui viene fatta dai soliti camerati vale anche per l'estremismo di destra o soltanto per quello di sinistra?

io finora ho letto soltanto critiche al terrorismo rosso.......

se fosse cosi' siete sempre meno credibili.........

Hai centrato il problema.
Non si rendono conto che le BR nascono in un clima di fascismo di stato, uno stato che metteva le bombe per strada e usava le stragi come mezzo politico.

Noi condanniamo tutti i tipi di terrorismo, rosso, nero e turchino, loro attaccano solo le BR, per gli altri cotica.

Parlano dei loro caduti, come degli eroi.

Che ce voi fa, so fascisti !!!

F
avatar
peppedrago

Messaggi : 664
Data d'iscrizione : 01.05.08
Località : Manicomio criminale di Montelupo

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Dorian il Mer Ago 06 2008, 03:55

gbg ha scritto:In ottobre verrà ripubblicato, dopo 25 anni, il libro che scrissi con Patrizio Peci sulla sua storia di brigatista rosso.
Scriverò una nuova introduzione.
Che dire dei pentiti, delle br e del modo in cui vennero battute?

le br sono state battute (poi furono vittime e vincitori) da un modello statale parallelo diplomatico utilizzato già dal vaticano. guardare, sperare che altri lancino la pietra senza esserne stati fautori e senza esserne accusati. anche se ciò sembrerà troppo semplice, con la questione Moro lo stato italiano s'è comportato nell'esatto modo con cui il vaticano s'occupo dei crimini di guerra durante la seconda guerra mondiale. i pentiti furono tali solo per mancanza di "signorilità" dell'organizzazione la quale relegava la vita umana allo stato più basso di stima sia per complici che per nemici (essendo si persone potenti poichè armate e determinate ma incolte umanamente). m'ha sempre divertito unificare le situazioni dei pentiti delle br con quelli dei pentiti di mafia (vedi buscetta) i quali tradirono un sistema di morte in cui credevano, proprio perchè quel sistema portava alla morte.se posso darti un consiglio giordano credo che quest ultima frase sia felicissima per segnare una parte della tua introduzione la quale potrebbe accomunare due diversità (politica e economica) nella giustificazione di tali atti importanti storicamente ma derivati da una forza animale e antiumanitaria.. buon lavoro
avatar
Dorian

Messaggi : 109
Data d'iscrizione : 22.06.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Ospite il Mer Ago 06 2008, 05:18

Condivido spesso,quasi tutti,i ragionamenti dell'amico e compagno "PeppeDrago".Anche in questo caso.
L'unica cosa che mi fa incazzare delle BR è l'aver catturato persone sbagliate e sopratutto inutili (vedi Moro),mi fa incazzare la loro strategia GENERICA-GENERALISTA.
Molte volte mi son posto questa domanda : "PERCHE' LE BR O COMUNQUE GRUPPI CHE VOGLIONO SOVVERTIRE LO STATO NON COLPISCONO MAI OBIETTIVI MIRATI E SENSATI MA SPESSO FANNO ANDARE IN MEZZO AI BORDELLI GENTE SERIA ? PERCHE' METTERE UNA BOMBA IN UN LUOGO DOVE POTREBBERO SALTARE IN ARIA DEI COMPAGNI PROLETARI INVECE DI METTERLE DIRETTAMENTE SULLA MACCHINA DEL POLITICO SCELTO ? PERCHE' GLI OBIETTIVI CHE DOVREBBERO ESSERE PRESI DI MIRA NON VENGONO PRESI DI MIRA MA VENGONO PRESI DI MIRA E POI ASSALTATI LUOGHI,COSE,PERSONE,CHE NULLA SMUOVONO A LIVELLO POLITICO E SOCIALE ?"
Concludendo il mio pensiero lasciatemi dire che le BR In quanto a strategia,obiettivi mirati e giusti erano proprio scarsi.
Credo che Fidel Castro o altri si siano fatti molte risate vedendo i "piani" non mirati e inutili a livello politico delle BR.
Anche in materia di rivoluzione l'Italia si è mostrata per quello che era e che è,ovvero: fallimentare.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da malcolm il Mer Ago 06 2008, 10:11

Aspetto l'uscita del libro di GBG su Peci con la nuova introduzione.
Intanto alcune considerazioni:
secondo me non si è riflettuto sul fatto che in quegli anni ciò che attirò molti giovani verso le BR non fu la conoscenza del pensiero di Marx. Infatti, quanti di loro lessero le opere essenziali di Marx? Quanti studiarono il Capitale, quanti capirono i Grundisse? Quanti lessero per intero la critica dell'Ideologia tedesca, la Miseria della Filosofia, La Sacra Famiglia e la famosa Einleitung del 1857? o gli scritti storici?
Quello che lessero lo lessero da smilzi opuscoli del Manifesto del Partito Comunista, forse della Critica del Programma di Gotha (editi dagli Editori Riuniti o da Savelli).
Che cosa li attirò alle BR? oltre al giustizialismo resistenziale (questo per i capi storici)? Li attirò il terrorismo, il "fascino" nichilista del terrorismo. Ebbene dirlo: quei giovani erano fondamentalmente nichilisti e , quindi, divennero terroristi. Parlo delle BR, ma anche del gruppo armato tedesco.
Con la fine della fiducia nell'idolo "Partito comunista italiano" visto ormai come un partito del tutto organico al "sistema" e la fine delle esperienze tutte fallimentari dei gruppuscoli ex sessantotto, venne meno la fiducia in ogni cosa del mondo presente e affiorò la convinzione che tutto stava andando verso un declino irreversibile delle speranze rivoluzionarie.
In questo "nero universo" non c'era altro da fare che farlo saltare in aria bom . Questo nichilismo si trasformò in terrorismo. Il terrorismo-nichilismo russo insegna.
Il terrorismo è sempre un "fare" piuttosto che il "nulla" dell'universo nero (così lo chiamò Sartre); il nichilismo "attivo" è un fare ..e forse una speranza, si pensò - credo.
(fine della prima puntata)

malcolm

Messaggi : 930
Data d'iscrizione : 18.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da catilina il Mer Ago 06 2008, 11:14

giusto per fare un po di sana polemica....ma la lettera della Cagol di sembra nichilista??
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Fast il Mer Ago 06 2008, 11:20

Sai da che area venivano Curcio e la cagol. l'area della cultura gesuita.
ammalati di un cristianesimo egalitario vedevano il mondo come un luogo sommamente ingiusto e pensarono che solo le armi potevano essere il riscatto.
solo che uccisero delle rotelle facilmente intercambiabili enon colpirino mai il cervello dell'ingranaggio.
Nichilisti? alcuni si. Deliranti? tutti.
a destra fu un fenomeno diverso, per quello che ne so, in parte sfida al sistema , in parte necessità di sopravvivenza, in parte autodifesa.
a destra non ci fu mai una struttura egemone ma un insieme di iniziative spesso individuali o di gruppi limitati che agivano su una porzione di territorio.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da catilina il Mer Ago 06 2008, 11:34

quoto fast e aggiungo che non ho capito, gbg potrebbe chiederne il motivo, perchè anzichè far fuori gente che c'entrava poco o nulla e comunque , in quanto avente ruolo , sicuramente facilmente e immediatamente sostituibile, i brigatisti non hanno mai attaccato seriamente strutture e infrastrutture mettendo in ginocchio seriemente la tenuta istituzionale e democratica .

che so? una centrale elettrica, un viadotto sull'autosole, una raffineria, un porto...

pensate al casino che verrebbe fuori con due cariche di tritolo sull'autosole e sull'adriatica: italia ferma per mesi.

invece nulla, pedinavano il giornalsita per farlo fuori sparando alle spalle .
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Fast il Mer Ago 06 2008, 12:00

Diciamo che stavano seguendo le teorie leniniste: pensavano di crearsi un "brodo di cultura" colpendo i "nemici di classe".
era una forma di "propaganda reclutatoria" basata sull'idea, sbagliata, che in Italia vi fosse una situazione prerivoluzionaria. Avevano una idea del proletariato vecchia di 100 anni, credevano che i "proletari" pensassero alla rivoluzione comunista mentre pensavano al frigo ed al televisore.
la fase due, una volta creato il mare nel quale nuotare, sarebbe stato il tritolo contro le infrastrutture el fas tre l'assalto al palazzo d'inverno.
Solo che non ebbero il mare ma solo piccoli acquari.
avatar
Fast

Messaggi : 5147
Data d'iscrizione : 30.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da malcolm il Mer Ago 06 2008, 12:06

per Catilina,
ho distinto i capi storici delle BR dai tanti giovani che vi aderirono.
Mara Cagol apparteneva ai primi.
Comunque la sua visione della società e del mondo che emerge dalla lettera è nera.
"L'universo è nero e noi siamo dei sinistrati" (J. P. Sartre)

malcolm

Messaggi : 930
Data d'iscrizione : 18.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da catilina il Mer Ago 06 2008, 14:46

malcolm ha scritto:per Catilina,
ho distinto i capi storici delle BR dai tanti giovani che vi aderirono.
Mara Cagol apparteneva ai primi.
Comunque la sua visione della società e del mondo che emerge dalla lettera è nera.
"L'universo è nero e noi siamo dei sinistrati" (J. P. Sartre)

ma è un nero esistenzialista al massimo, nichilista solo per affinità estetiche.

il nichilista mica diventa matto, se ne fotte.

per questo sono veramente poco d'accordo con chi sostiene che l'attentatore suicida o il terrorista in genere sia un nichilista; il contrario direi!
avatar
catilina

Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da aladino il Mer Ago 06 2008, 16:29

Ma il merdoso filosofo sinistrato in occidente sbavava per Stalin e la sanguinaria Brutopia......ma siamo seri

aladino

Messaggi : 3589
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le br, 25 anni dopo

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum